INAIL: Guida all'assicurazione - infortuni sul lavoro

L’Inail (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) gestisce l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

Questa guida analizza le attività lavorative che la legge definisce rischiose, la figura del datore di lavoro, sia pubblico che privato, tenuto a stipulare l’assicurazione ed a versare i relativi premi, ed elenca i lavoratori tutelati

La guida si divide in cinque parti:

  • Le informazioni generali

Per poter comprendere il fondamento giuridico e normativo dell’obbligatorietà dell’assicurazione Inail.

  • Le attività lavorative rischiose

Per poter individuare se l’attività esercitata è da assicurare.

  • I lavoratori assicurati

Per identificare i requisiti che danno diritto all’assicurazione.

L’assicurazione e il contributo in agricoltura

L’assicurazione dei lavoratori marittimi

Tipologie di lavoratori tutelati

  • La figura del datore di lavoro

Per individuare i soggetti che devono stipulare l’assicurazione e sostenerne l’onere economico.

Particolari figure di datore di lavoro

  • Gli obblighi del datore di lavoro

Per precisare gli obblighi, previsti dalla Legge, a cui si deve attenere il datore di lavoro sia nei confronti dell’Ente assicuratore che del lavoratore assicurato
 

L’assicurazione Inail è regolata dalle norme contenute nel Testo Unico, (approva­to con Decreto del Presidente della Repubblica n. 1124 del 1965 e succ. mod.), e anche da numerose disposizioni speciali dirette soprattutto ad estendere la tute­la Inail a nuove categorie di lavoratori (parasubordinati, dirigenti, sportivi profes­sionisti dipendenti, casalinghi/e).

In tal senso si cita in particolare il d.lgs. 38/2000, emanato in relazione all’art. 55 della legge n. 144/1999, unitamente alle numerose sentenze della Corte Costi­tuzionale ed ai principi posti dalla Corte di Cassazione che hanno determinato l’estensione delle categorie di lavoratori e delle attività soggette all’obbligo assi­curativo.

Il rapporto assicurativo nasce per effetto di legge al verificarsi dei requisiti previsti.

Il datore di lavoro è tenuto a presentare all’Inail la denuncia dell’attività esercita­ta, in quanto ritenuta rischiosa.

Di norma il lavoratore rientrante nell’obbligo assicurativo, in caso di infortunio o malattia professionale, è tutelato dall’Inail con prestazioni economiche, sanitarie ed integrative, anche nel caso in cui il datore di lavoro non abbia provveduto al pagamento del premio, per il principio di automaticità delle prestazioni che ca­ratterizza l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

In via generale il costo dell’assicurazione - vale a dire il premio assicurativo - è a carico del datore di lavoro ed è determinato applicando, alle retribuzioni pagate ai dipendenti occupati, i tassi previsti da un’apposita tariffa che tiene essenzial­mente conto della diversa pericolosità tra le varie lavorazioni.

scarica la guida

INAIL Guida all'assicurazione - infortuni sul lavoro

 
 
 
valid CSS 2.1 Valid XHTML 1.0 Strict Realizzato da w-easy
martedì 21-mag-19